Home » In Evidenza, Sindacati, Territorio

Rilancio di Viareggio, le associazioni di categoria uniscono le forze per elaborare strategie comuni

Inserito il 26 novembre 2018 – 09:21
Parliamo di: ,

«Abbiamo deciso di unire le forze e creare una piattaforma comune di discussione per elaborare proposte e suggerire strategie per il rilancio del tessuto imprenditoriale viareggino, che nonostante abbia vissuto e stia vivendo tuttora un lungo periodo di difficoltà, mantiene delle enormi potenzialità di sviluppo».

Questo è l’esito della riunione che ha visto coinvolti i consigli direttivi di Confcommercio, Confesercenti, Cna e Confartigianato guidati dai rispettivi presidenti, svoltasi ieri (martedi) nella sede di Confcommercio.

Un incontro, voluto fortemente dai direttori delle quattro associazioni di categoria più rappresentative, per fare il punto della situazione delle imprese cittadine e porre le basi per una collaborazione duratura.

«Quello di martedi- sottolineano Rodolfo Pasquini (Confcommercio), Valentina Cesaretti (Confesercenti), Stephano Tesi (Cna) e Roberto Favilla (Confartgianato)– è stato solo un primo appuntamento conoscitivo per confrontarsi e verificare le linee guida che informeranno la nostra attività. Era necessario un incontro per stabilire il metodo di lavoro da portare avanti, quando ci rivedremo ci sarà sempre un ordine del giorno con delle tematiche che verranno approfondite.

In questo modo verificheremo punti di forza e criticità di ciascun settore, per elaborare con spirito costruttivo proposte concrete da sottoporre agli enti competenti, tra cui- in primis- l’amministrazione comunale di Viareggio.

Riteniamo che l’unione delle forze sia la soluzione in questo momento più idonea per dar voce alle istanze delle attività che rappresentiamo: ricordiamo infatti che le migliaia di imprese a noi associate rappresentano il vero volano dell’economia viareggina, in comparti assolutamente strategici come- solo per citarne alcuni- la cantieristica, i servizi alla nautica, il turismo, l’impiantistica, il commercio ed i servizi alla persona».