Home » In Evidenza, Sindacati

Parcheggi nel centro storico a Lucca, la posizione di Confcommercio

Inserito il 12 settembre 2018 – 12:21

Prende posizione Confcommercio in materia di parcheggi a stallo blu all’interno del centro storico:

“Stiamo ricevendo numerose telefonate da parte dei nostri associati – si legge in una nota dell’associazione – , preoccupati per l’incertezza che regna attorno alla futura destinazione di piazza Bernardini. Uno stato d’animo, quello dei commercianti, che nasce dal timore che l’eventuale perdita di un nutrito numero di posti a stallo giallo per i residenti possa essere recuperato in un’altra sede del centro storico dove oggi si trovano stalli blu”.

“Confcommercio – prosegue la nota – segue con la massima attenzione da anni la delicata partita dei parcheggi attraverso la sua Commissione centro storico ed ha sempre giudicato del tutto insufficiente il numero dei posti auto presenti all’interno della città a servizio dei visitatori in arrivo da fuori. Per questa ragione abbiamo sempre guardato e continuiamo a guardare tuttora alla ex Manifattura Tabacchi come l’ultimo vero contenitore rimasto disponibile in centro storico per dotare Lucca di un numero di stalli adeguato alle esigenze di una città moderna, funzionale e aperta al turismo”.

“Deve essere chiaro – insiste la nota -, come abbiamo già avuto modo di ribadire più volte, che quello dell’accessibilità è già oggi un punto dolente del centro storico, sia per il numero insufficiente di stalli blu che per le limitazioni imposte da una Ztl attiva 24 ore su 24. Perdere anche uno solo degli stalli adesso a disposizione significa con tutta probabilità un negozio chiuso in più e posti di lavoro in meno. Ecco perché non possiamo né potremo accettare politiche mirate a diminuire i parcheggi a disposizione dei visitatori”.

“Oltre che sulla ex Manifattura – termina la nota – ci aspettiamo dunque risposte certe e positive anche sulle sorti della ex caserma Lorenzini, sulla cui riapertura registriamo ormai da oltre 2 anni annunci sinora disattesi”.