Home » In Evidenza, Territorio

Lari: “Quale promozione per la Versilia all’Expo di Milano?”

Inserito il 2 marzo 2015 – 11:59

Arriva da Roberto Lari, membro di giunta Confcommercio Imprese per l’Italia – Province di Lucca e Massa Carrara, una lettera aperta rivolta a tutte le amministrazioni della Versilia, in merito alla promozione del territorio a prossimo Expo.

«La prossima Esposizione Universale di Milano – sono le parole del delegato versiliese della Confcommercio – rappresenta la più importante vetrina globale a disposizione di tutti i paesi per mettere in mostra ciò che di meglio hanno da offire, sotto molteplici punti di vista.

Per la Versilia è quindi un’occasione unica per presentarsi davanti ad una platea di 20 milioni di visitatori e quindi di 20 milioni di potenziali clienti.

Purtroppo non abbiamo ricevuto alcuna informativa né richiesta di collaborazione da parte delle istituzioni pubbliche e quindi non sappiamo né se ci sia né quale sia il progetto di promozione dei vari comuni della Versilia. Un silenzio che ci preoccupa fortemente, considerato il valore della manifestazione.

E’ ormai un fatto noto che Toscana Promozione, ovvero l’ente preposto alla valorizzazione del turismo regionale attraverso appunto la promozione specifica dei vari territori, raramente coinvolge i vari distretti al fine di partecipare in maniera più efficace e capillare agli eventi più importanti.

Il timore di non poter sfruttare appieno questa incredibile opportunità, con evidenti ricadute negative in termini turistici, ci induce pertanto a chiedere pubblicamente chiarezza sulle strategie messe in campo a qualsiasi livello per dare impulso ad un territorio come il nostro, nel quale proprio il turismo è il principale comparto.

Per quello ci rivolgiamo alle amministrazioni comunali della Versilia, ed in particolar modo ai competenti assessorati al turismo, per sapere da loro in quali forme il nostro comprensorio sarà presente all’Expo e quali iniziative saranno messe in campo (e da chi) a Milano durante i sei mesi dell’evento.

Perdere questo treno sarebbe deleterio e comporterebbe una perdita di competitivià della Versilia sul mercato turistico nazionale ed estero che non possiamo assolutamente permetterci.»