Home » In Evidenza, Sindacati, Territorio

Carnevale di Viareggio, no di Confcommercio e Comitato Passeggiata agli stand temporanei alimentari

Inserito il 15 gennaio 2015 – 10:08

«E’ inaccettabile che il circuito del Carnevale venga imbottito di venditori ambulanti legati alla gastronomia, in totale spregio al lavoro che tutti i giorni dell’anno portano avanti bar e ristoranti della Passeggiata e delle zone circostanti, nel pieno rispetto della legge».

 Non ci stanno Confcommercio e il Comitato della Passeggiata, protestano contro le decisioni prese dal commissario straordinario della Fondazione Pozzoli.

 ”Apprendiamo – recita una nota congiunta – che in piazza Mazzini sarà presente un mercatino con più di 20 stand che venderanno varie tipologie di cibo e, come se non bastasse, sono stati aumentati anche gli enormi track food lungo il percorso, che per questa edizione saranno ben 7. A questo punto è evidente come il dott. Pozzoli segua solo la logica del mero profitto nell’organizzazione del Carnevale, senza troppo pensare alle ricadute pesantissime che questa scelta scellerata avrà nei confronti delle attività in sede fissa. Che però sono quelle cui, attraverso la riscossione di tributi ed imposte di ogni genere, viene chiesto di contribuire al risanamento del dissesto del comune. Cosa che sarà sempre più difficile, vista la drastica riduzione degli incassi che queste forme di concorrenza più o meno sleale comportenanno per gli esercizi del lungomare e delle vie limitrofe”.

“E’ un paradosso: invece di aiutare queste aziende che stanno aperte tutti i giorni, alta e bassa stagione, facendo sacrifici enormi per dare occupazione e pagare le tasse, si preferisce dare asilo ad una trentina di ambulanti che sfruttano la vetrina più prestigiosa della nostra città e poi se ne vanno senza lasciare null’altro che il necessario per la loro concessione. Già lo scorso anno protocollammo una lettera sia alla Fondazione Carnevale che al Comune, chiedendo una diversa e più restrittiva regolamentazione per questo tipo di autorizzazioni: sarebbe quindi questa la considerazione in cui vengono tenuti le imprese viareggine? Proprio quest’anno in cui erano state siglate importanti collaborazioni come “Compra in Versilia, ti regaliamo il Carnevale” o il rinnovo dell’iniziativa “A tavola con Burlamacco”, che mette in risalto la qualità dell’enogastronomia dei ristoranti versiliesi, la stessa che poi viene mortificata dal mercatino del cibo”.

“Peraltro, oltre ai problemi igienici, all’odore pregnante che circonderà l’area e alla massa indifferenziata di rifiuti lasciata sulla Passeggiata a fine giornata, sussistono anche problemi di sicurezza, in quanto la grande concentrazione di attività ambulanti restringerà prevedibilmente i percorsi, con potenziali rischi di intasamento di questi e delle vie di fuga. Non sappiamo se queste decisioni possano essere riviste o ormai il danno sia fatto: di certo gli amministratori coinvolti hanno dimostrato ben poco rispetto nei confronti degli imprenditori della città”.