Home » In Evidenza, Sindacati, Territorio

Obblighi informativi per le attività produttive in campo alimentare, seminario di Confcommercio e Usl a Viareggio

Inserito il 6 novembre 2014 – 09:56

In vista dell’entrata in vigore della nuova rilevante normativa comunitaria sugli obblighi informativi per le attività produttive in campo alimentare, Confcommercio Viareggio Versilia organizza un seminario gratuito in collaborazione con l’Usl n. 12 Versilia, mercoledi 12 novembre.

Dal prossimo 13 dicembre infatti sarà vigente il Regolamento Ue n. 1169/2011 che impone a tutte le attività produttive nel campo alimentare di fornire ai consumatori le informazioni sugli ingredienti contenuti negli alimenti, al fine di evidenziare possibili presenze di allergeni o agenti chimici in grado di sviluppare intolleranze per l’organismo umano.

Nello specifico, all’art. 44 del suddetto regolamento vengono descritte le disposizioni nazionali per gli alimenti non preimballati, per i quali viene sancito che: “Ove gli alimenti siano offerti in vendita al consumatore finale o alle collettività senza preimballaggio oppure siano imballati sui luoghi di vendita su richiesta del consumatore o preimballati per la vendita diretta, la fornitura delle informazioni sugli ingredienti è OBBLIGATORIA”.

Considerata l’importanza della nuova disciplina per un numero molto ampio di imprese, Confcommercio ha preso accordi con l’ASL Versilia -che si è resa disponibile a un confronto aperto con gli operatori su questa nuova materia prima che partano i relativi controlli- ed ha pertanto organizzato in data 12 novembre alle 14,30 presso la sede di Viareggio in via Repaci, 18, un seminario informativo gratuito aperto a tutte le attività produttive nel campo alimentare con la presenza dei tecnici Usl.

Gli stessi ispettori, tra cui presenzierà anche la dirigente Aragona, saranno a disposizione per spiegare i punti salienti del nuovo regolamento, che entrerà in vigore prima della fine dell’anno, indicando le procedure da seguire indispensabili per tutte le aziende, al fine di evitare possibili sanzioni amministrative.