Home » News Generali, Sindacati, Territorio

Lido di Camaiore, il rammarico di Confcommercio Versilia per la chiusura della gastronomia Lemmetti

Inserito il 31 ottobre 2014 – 09:40

“La chiusura di un’attività storica come la gastronomia Lemmetti è l’ennesima conferma di quello che sosteniamo da tempo, ovvero che Lido di Camaiore è ormai una cittadina in declino”. Confcommercio Versilia esprime rammarico e preoccupazione per questo ulteriore colpo alle attività commerciali di viale Colombo, che già registra molti fondi vuoti.

“Il dispiacere è enorme – recita una nota dell’associazione – perché la famiglia Lemmetti è sempre stata un punto di riferimento per Lido, con un’attività centenaria portata avanti da persone gentili e preparate, un vero modello di quella piccola imprenditoria che rappresenta il fiore all’occhiello dell’economia del nostro territorio. Sempre attenti e partecipi alla vita associativa, hanno dato grande stimolo per il raggiungimento di un’unità di intenti per i commercianti della zona”.

“Proprio in questi giorni abbiamo avuto modo di parlare con la signora Tullia ed i figli Gionata e Laura che, comunicandoci la loro decisione di gettare la spugna, hanno voluto rimarcare i motivi -poi spiegati nella bella lettera aperta che hanno inviato- che li hanno spinti a questa soffertissima scelta. La loro voce si unisce a quella di tantissimi altri commercianti che denunciano lo stato di degrado di Lido di Camaiore e l’indifferenza che mostra l’amministrazione al riguardo. I ben noti episodi di cronaca di questa estate – criminalità, abusivismo, assenza di decoro e di eventi, divieti di balneazione – hanno lasciato il segno dal punto di vista dell’immagine ma quello che più preoccupa gli imprenditori è l’assenza di interventi da parte del Comune di Camaiore che poco ha fatto per porre rimedio a queste situazioni. E’ pertanto opportuno che l’amministrazione si attivi per evitare un’altra stagione di questo tipo, le cui conseguenze sono sotto gli occhi di tutti, e purtroppo la chiusura di Lemmetti ne è solo l’ultima dolorosa testimonianza”.