Home » In Evidenza, Sindacati, Territorio

Confcommercio e Fimaa “difendono” Forte dei Marmi dal servizio televisivo di Millennium

Inserito il 4 agosto 2014 – 09:54

Confcommercio Imprese per l’Italia – Province di Lucca e Massa Carrara e e il suo sindacato Fimaa (federazione italiana mediatori agenti d’affari) si uniscono al sindaco di Forte dei Marmi Umberto Buratti nel contestare quanto emerso nella trasmissione televisiva “Millennium” andata in onda lo scorso 29 luglio su Rai3.

“Bene ha fatto il sindaco Buratti a manifestare le sue rimostranze – recita una nota congiunta del direttore di Confcommercio Imprese per l’Italia – Province di Lucca e Massa Carrara Rodolfo Pasquini e del presidente regionale e interprovinciale di Fimaa Alessandro Gabriele – perché quello che è emerso dal servizio messo in onda dà un’immagine assolutamente distorta di quella che è l’attività delle agenzie immobiliari del Forte”.

“Non è condivisibile il ritratto che viene fatto degli agenti immobiliari del territorio come una cricca di imbroglioni ed evasori fiscali, generalizzando in maniera del tutto impropria e non corrispondente al vero alcuni profili di irregolarità -peraltro sempre condannati da tutti gli organismi direttivi Fimaa – attuati da una sparuta minoranza”.

“La Federazione infatti richiama costantemente i suoi associati al rispetto della legalità e della trasparenza, prova ne sono i periodici convegni sul territorio, tra cui i recenti incontri in materia di antiriciclaggio – cui era presente anche la Guardia di Finanza – e sul protocollo firmato con la Fondazione Enasarco per la regolarizzazione dei collaboratori delle agenzie”.

“Per questo ci sentiamo di difendere con forza l’operato degli agenti immobiliari di Forte dei Marmi, la cui qualità e professionalità non sono da mettere in dubbio. Condividiamo infine l’invio di una nota di rimostranze al direttore generale della Rai Gubitosi da parte del sindaco Buratti e siamo pronti ad affiancarlo e sostenerlo in ogni successivo intervento che vorrà mettere in atto in questa spiacevole vicenda, da cui Forte non merita certo di uscire sconfitta”.