Home » In Evidenza, Sindacati

Convegno di Fimaa per illustrare agli addetti ai lavori il protocollo d’intesa con Enasarco

Inserito il 14 luglio 2014 – 11:35

Nuovo importante appuntamento informativo a firma di Fimaa (Federazione italiana mediatori agenti d’affari) Confcommercio – Lucca e Massa Carrara, che organizza per mercoledì 16 luglio alle 15,30, all’interno dell’Una Hotel Versilia di Lido di Camaiore un convegno interprovinciale dal titolo “Protocollo d’intesa Fimaa – Enasarco e rapporti di lavoro e collaborazione all’interno dell’agenzia immobiliare”. L’evento è aperto a tutti gli agenti immobiliari delle province di Lucca e Massa Carrara e vedrà la presenza di Alessandro Gabriele, presidente interprovinciale e regionale di Fimaa, il legale di Fimaa Italia Paolo Pesando, la commercialista Patrizia Pandolfi, l’avvocato Federico Marrucci e il consulente del lavoro Andrea Bonuccelli.

Nel corso del convegno gli autorevoli relatori illustreranno a tutti gli operatori il protocollo stipulato a livello nazionale da Fimaa Confcommercio con l’Enasarco, in forza del quale viene data alle agenzie e ai loro collaboratori che non operano come mediatori l’opportunità di regolarizzare la posizione contributiva. Al tempo stesso, verrà spiegato come disciplinare in maniera corretta i rapporti di lavoro all’interno di una agenzia. La necessità di regolarizzazione delle posizioni contributive, richiesta dall’Enasarco a seguito di ispezioni in varie agenzie sul territorio nazionale, è stata peraltro confermata da numerose sentenze del tribunale di Roma, competente per territorio.

Peraltro l’Enasarco aveva richiesto altresì lo stesso inquadramento per gli agenti immobiliari abilitati all’attività di mediazione, cioè già iscritti al ruolo, e che collaborino in modo stabile con un’agenzia immobiliare ma, a seguito della contestazione della Fimaa Confcommercio, con la sottoscrizione del protocollo la Fondazione Enasarco ha accettato di proporre un interpello a firma congiunta, già depositato al ministero del lavoro, per avere una risposta in merito alla collaborazione tra agenti abilitati, impegnandosi nel frattempo a sospendere le ispezioni nelle agenzie aderenti al protocollo.