Home » In Evidenza, Sindacati, Territorio

Blitz antiabusivismo, le considerazioni di Confcommercio Viareggio Versilia

Inserito il 4 luglio 2014 – 15:27

Confcommercio Viareggio Versilia interviene sul dibattito che sta animando le cronache di questi giorni. “I controlli verso le forme di abusivismo commerciale da parte delle forze dell’ordine sono sacrosanti per arginare un fenomeno dilagante che arreca danni all’economia ed al turismo. Respingiamo pertanto le strumentalizzazioni di chi cerca di etichettare queste operazioni in favore della legalità come “caccia all’uomo” o “blitz”, puntando sull’umano trasporto verso le storie personali, non certo semplici, dei venditori ambulanti abusivi che affollano spiagge e strade della Versilia.”

“Non c’è dubbio che questi siano gli ultimi anelli di una catena di illegalità che parte da lontano, con la criminalità organizzata che utilizza queste persone per alimentare il malaffare, ma non per questo si devono trovare attenuanti nel cercare di stroncare questa spirale continua di demolizione delle regole.Anche perché non è certo giustificando condotte che violano le leggi il modo in cui si possono aiutare queste persone, in realtà sfruttate per interessi molto meno nobili.Il viavai continuo di ambulanti abusivi lungo le spiagge o i capannelli di merce contraffatta lungo le Passeggiate a mare pone due ordini di problema: uno relativo alla concorrenza sleale di questo commercio sleale, i cui danni nei confronti di quello tradizionale e regolare sono ingentissimi; un altro invece attinente al decoro all’immagine turistica della Versilia, con bagnanti e visitatori infastiditi dall’invadenza e dai modi spesso insistenti dei venditori”.

“E’ bene ricordare che, per quanto riguarda la merce che espongono, si tratta di falsi il cui acquisto comporta multe molto salate (e succede spesso): acquistandola si favorisce non solo la catena delle falsificazioni ma anche l’evasione fiscale e lo sfruttamento della manodopera, e spesso i materiali utilizzati non sono conformi alle normative di legge.Il fenomeno è analogo, dalla marina Torre del Lago al centro di Forte dei Marmi, dove il locale Ccn e necessita di un’adeguata attenzione da parte degli organi deputati al controllo, in particolare dei vigili urbani che quotidianamente svolgono il loro operato nei centri urbani. Grazie alle riunioni in tema di sicurezza ed ordine pubblico con Prefettura e Questura siamo a conoscenza delle carenze di organico, che frenano una maggiore incisività nell’azione delle forze dell’ordine, ma chiediamo comunque che non venga abbassata la guardia”.