Home » In Evidenza, Territorio

Aperture serali estive in centro, l’analisi della presidente del Ccn Simona Barsotti

Inserito il 11 luglio 2014 – 13:50

Non si sottrae al confronto Simona Barsotti, presidente del Centro commerciale naturale Città di Lucca di Confcommercio, riguardo all’andamento di queste prime due settimane (la seconda si chiude stasera, venerdì) dello “Shopping sotto le stelle”, aperture serali estive dei negozi in centro storico. “

Sino ad ora – dice Barsotti – le cose non sono andate benissimo, ma non c’è dubbio che il maltempo abbia giocato un ruolo molto importante: rispetto ad anni in cui l’hanno fatta da padrone temperature gradevoli per una passeggiata serale in città, il 2014, per adesso, è stato contraddistinto purtroppo dalla pioggia e dalla instabilità del meteo. La nostra speranza naturalmente, è che ci sia al più presto una inversione di tendenza sotto questo punto di vista e che l’estate possa finalmente essere accompagnata dal tradizionale caldo che la contraddistingue”. “

Detto questo – aggiunge la presidente – rispondiamo volentieri ad alcuni rilievi che ci sono stati mossi per il fatto che tre aperture serali a settimana sarebbero troppe. Intanto, va detto che la “tripla” è prevista solo in due settimane, quella che si sta concludendo e la prossima. Un esperimento, il nostro, per capire quale sarebbe stata la risposta del pubblico. E come tutti gli esperimenti, dunque, passibile di eventuali correzioni”.

“Il nostro direttivo – insiste Barsotti – ha preso questa decisione in maniera collegiale e condivisa, nell’interesse della promozione commerciale della città, ed è in questa ottica di piena collaborazione che è disposto ad ascoltare suggerimenti o critiche da parte degli addetti ai lavori, in modo da poterli poi elaborare e, già a partire dalla fine dell’estate, pensare a eventuali modifiche per il prossimo anno”. “A tale proposito – chiude la presidente del Ccn -, pertanto, invitiamo i negozianti interessati a farci pervenire le proprie osservazioni, in un’ottica di collaborazione nell’interesse dell’intero tessuto commerciale cittadino”.