Home » News Generali, Sindacati

Obbligo di poter esibire il certificato penale per chi lavora a contatto coi minori: attenzione alle sanzioni

Inserito il 3 aprile 2014 – 10:52

Fipe Confcommercio Italia informa che a partire dal 6 aprile entra in vigore il decreto legislativo n. 39 del 4 marzo 2014, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n.68 del 22 marzo 2014, attuativo della direttiva comunitaria 2011/93 finalizzato alla lotta contro lo sfruttamento minorile sotto l’aspetto sessuale e della pornografia.

Il provvedimento afferma che chi intende impiegare al lavoro una persona per lo svolgimento di attività che comportino contatti diretti e regolari con minori, deve richiedere il certificato penale del casellario giudiziale dal quale risulti l’assenza di condanne che comportino misure interdittive o divieti di contatti diretti e regolari con minori.

Il datore di lavoro che non adempie a tale obbligo è soggetto a una sanzione pecuniaria amministrativa compresa fra 10 mila e 15 mila euro.

Per ulteriori informazioni sull’argomento è possibile contattare gli uffici Confcommercio (referente Marco Cipollini, cipollinimarco@confcommercio.lu.it – 0583/473133).