Home » In Evidenza, Territorio

Futuro del Carnevale di Viareggio, la preoccupazione di Confcommercio

Inserito il 24 aprile 2014 – 08:23

Le notizie allarmanti sulla sorte del Carnevale di Viareggio preoccupano non poco Confcommercio Viareggio.

“Dobbiamo fare tutti in modo -recita una nota dell’Associazione- che Viareggio continui ad essere conosciuta nel mondo per il suo Carnevale, una manifestazione che va difesa a tutti i costi perché rappresenta una parte fondamentale della storia e della cultura di questa città.

E’ innegabile che le difficoltà siano enormi, la situazione in cui versano le casse comunali probabilmente non induce all’ottimismo ma in questi casi è doveroso ingegnarsi per trovare nuove risorse che vadano oltre i tradizionali canali istituzionali.

Un’opera di fund raising, attraverso la ricerca di nuovi contributi e sponsorizzazioni, da attrarre e declinare con meccanismi nuovi e creativi ma comunque compatibili con la storia e la tradizione di questa manifestazione.

Questa attività andrebbe unita però ad un’efficace azione di taglio delle spese non necessarie: è chiaro che le “cure dimagranti” sono dolorose ma una sforbiciata selettiva agli sprechi o comunque alle uscite non necessarie -anche in termini di riorganizzazione strutturale- consentirebbe un po’ di respiro ai bilanci.

Un compito arduo attende la Fondazione Carnevale ed è per questo che tutte le realtà cittadine devono schierarsi compatte a sostegno di Burlamacco: non è pensando di ridimensionare la portata del Carnevale che si fa il bene di Viareggio, pertanto vanno messe in campo tutte le energie e le risorse per evitare che ciò avvenga.

Come associazione di categoria non possiamo che rimarcare l’impatto di questo evento sul tessuto imprenditoriale della Versilia ma sarebbe improprio ridurre il valore del Carnevale solo a questo- pur essenziale- aspetto.

Confcommercio conferma pertanto tutto suo impegno in questa opera di salvaguardia e sviluppo del Carnevale, garantendo la piena disponibilità a collaborare con l’amministrazione comunale e la Fondazione Carnevale per dare alla manifestazione un nuovo impulso”.