Home » In Evidenza, Sindacati

Confcommercio Lucca vara l’Osservatorio sui tributi

Inserito il 13 febbraio 2014 – 10:38

Entra in funzione in provincia di Lucca l’Osservatorio sui tributi. A vararlo è la Confcommercio, preoccupata dal vertiginoso aumento di tasse e imposte locali che sta gravando sulle imprese. L’obiettivo è aiutare gli imprenditori a verificare la correttezza di quanto richiesto dai Comuni, ma soprattutto analizzare – dati alla mano – l’incidenza della tassazione locale sui bilanci aziendali per sollecitare le Amministrazioni “calmierare” l’esazione rivedendo i parametri applicativi.

“Si tratta di aiutare le imprese a non chiudere”, sottolinea il direttore della Confcommercio Lucca, “solo per i rifiuti, l’aumento medio dell’imposta è di oltre il 300% rispetto all’anno passato, a fronte di incassi in discesa a causa della contrazione dei consumi. Di questo passo, le imprese saranno costrette a chiedere un prestito in banca per pagare i tributi. E se dovesse accadere, sarà chiaro che c’è qualcosa da rivedere nel sistema”.

“Se a livello nazionale in questo frangente si può fare poco, visto che il Governo accampa la scusa della crisi per aumentare l’imposizione fiscale continuando invece a non fare tagli alle spese, a livello locale abbiamo margini di trattativa più ampi perché a nessuna Amministrazione Comunale piace che le imprese del proprio territorio scompaiano. Sarebbe una perdita di occupazione e ricchezza subito tangibile nella sua drammaticità, che mette a rischio sviluppo e perfino coesione sociale”, chiarisce Pasquini. “Ecco perché con i dati raccolti attraverso l’Osservatorio Tributi andremo ad incontrare i Comuni per presentare la realtà dei fatti, i rischi connessi e le possibilità di cambiare le cose rivedendo i criteri applicativi delle varie imposte o creando agevolazioni”.

Il servizio sarà attivo dal 19 febbraio presso la sede Confcommercio di Lucca ogni mercoledì con orario 15-18. Poi, sarà disponibile anche nelle delegazioni territoriali. Gli operatori, su appuntamento al numero di telefono 0583.473120, potranno verificare la propria posizione portando con sé bollette e cartelle (anche degli anni precedenti per verificare gli aumenti), planimetrie degli immobili dove svolgono l’attività, ultimo bilancio aziendale e ogni altro dato possa fornire l’immagine dettagliata e completa della situazione. “I dati raccolti, Comune per Comune, ci serviranno a redigere un dossier per evidenziare le diseguaglianze e concordare con le Amministrazioni alcune soluzioni. Vorremmo che chi applica i tributi si rendesse conto di quanto e come influiscono sulle imprese”.