Home » News Generali

EuroPark in omaggio da Confcommercio a chi paga la quota associativa entro il 31 gennaio

Inserito il 29 novembre 2013 – 13:27

Conferenza stampa, questa mattina (venerdì 29 novembre) a Palazzo Sani, per la presentazione di un doppio, importante accordo fra Confcommercio, Metro Srl e Lucar Tm concessionaria Toyota di Guamo, mirata al duplice obiettivo di incentivare l’utilizzo del sistema di pagamento “EuroPark” nei parcheggi gestiti da Metro stessa, e al tempo stesso delle auto ibride nei centri storici, con positive ricadute in termini ambientali.

Presenti all’incontro con gli organi di informazione il presidente di Confcommercio Ademaro Cordoni, il direttore dell’associazione Rodolfo Pasquini, l’assessore comunale Francesca Pierotti, il presidente di Metro Srl Luca Cesaretti e il titolare di Lucar Tm Giorgio Serafini. Il primo dei due accordi, riguardante Confcommercio e Metro, prevede la consegna gratuita di un’apparecchiatura “EuroPark” da parte di Metro a tutti gli iscritti all’associazione di Palazzo Sani che, entro il prossimo 31 gennaio, provvederanno a regolarizzare la quota d’iscrizione valida per l’anno 2014. L’altro accordo, invece, interessa Metro e Lucar Tm, con quest’ultima che si impegna a regalare un’apparecchiatura “EuroPark”, già ricaricata per un valore di oltre 100 ore, a tutti i clienti che decideranno di acquistare un’auto ibrida.

E sempre in tema di auto ibride, la stessa Lucar Tm ha provveduto a consegnare a Confcommercio un mezzo in comodato d’uso gratuito, così da incentivare ulteriormente l’utilizzo di queste vetture e mostrarne i numerosi benefici in termini ambientali, ma anche di efficienza. L’EuroPark, come noto, è un autoparchimetro individuale, ricaricabile con carte prepagate di 25 euro, utilizzabile per la sosta nelle aree dotate di parcometro.

Oltre alla comodità di evitare il ricorso agli spiccioli, di cui spesso gli automobilisti sono sprovvisti con le conseguenti perdite di tempo nella ricerca di un cambio monete, questa apparecchiatura è tarata per misurare l’effettivo tempo di utilizzo di un parcheggio, al contrario dei sistemi tradizionale che prevede il pagamento anticipato dello stallo, a volte non ben calibrato sul reale impiego dello stallo stesso.