Home » News Generali, Sindacati

Accesso dei cani all’interno dei pubblici esercizi, Fipe fornisce le disposizioni per i titolari dei locali

Inserito il 29 ottobre 2013 – 09:21

Il presidente nazionale di Fipe (Federazione italiana pubblici esercizi), a seguito di numerose richieste di chiarimento ricevute, intende ricordare agli operatori interessate le novità introdotte dal “Manuale di corretta prassi operativa” relativamente all’accesso dei cani nei pubblici esercizi.

A tale proposito, si precisa che è sempre consentito l’accesso nelle zone aperte al pubblico di cani guida, anche senza museruola, e che gli altri cani possono accedere solo se muniti di museruola e condotti al guinzaglio.

Quanto sopra sta a significare che non sussistendo controindicazioni di tipo igienico sanitario (infatti i contenuti del manuale sono stati validati dal Ministero della Salute), non hanno ragione di sussistere eventuali ordinanze di autorità sanitarie locali o di amministrazioni comunali che vietino per motivi di igiene l’accesso dei cani alle parti comuni dei pubblici esercizi.

CONDIZIONE PER L’ACCESSO E’ CHE IL CANE SIA CONDOTTO AL GUINZAGLIO E INDOSSI LA MUSERUOLA

Relativamente al tipo di guinzaglio si precisa che in base all’ordinanza del Ministero della Salute 6 agosto 2013 (in allegato) il guinzaglio deve essere di misura non superiore a 1,50 metri e, diversamente da quanto dispone l’ordinanza, la museruola non deve essere tenuta a disposizione, ma deve essere applicata al muso dell’animale all’interno degli esercizi.

Resta ferma la facoltà per il titolare dell’esercizio di scegliere di non consentire l’accesso ai cani, fatto salvo l’obbligo di accogliere i cani guida.

Da tenere presente che, secondo gli ultimi dati, le famiglie che possiedono un cane censito sono sette milioni e che, quindi, rappresentano un bacino di clientela di sicuro interesse.

Il manuale, che si invita a diffondere presso gli esercenti, contiene importanti elementi di semplificazione degli adempimenti, fornisce elementi essenziali di conoscenza sulle operazioni di manipolazione e conservazione degli alimenti, sulla indicazione degli allergeni, sul trattamento del pesce da servire crudo.