Home » News Generali, Territorio

Andamento del settore turismo, l’analisi del presidente di Federalberghi Lucca Pietro Bonino

Inserito il 23 agosto 2013 – 11:06

A poche ore ormai dalla Notte Bianca, evento di grande richiamo turistico, culturale e commerciale per la città di Lucca, il presidente di Federalberghi Confcommercio Pietro Bonino intende esprimere alcune considerazioni sull’andamento del settore – turismo:

“La linea è ormai tracciata – afferma Bonino -: Lucca è diventata, e crediamo lo sarà sempre di più in futuro, una città a enorme vocazione turistica. Ci sono grandi eventi da “bagno di folla”, come ad esempio la Notte Bianca, il Summer Festival e Lucca Comics & Games, più tutta una pluralità di manifestazioni, magari all’apparenza di minore impatto mediatico, ma comunque molto importanti sotto il profilo culturale o della tradizione, come ad esempio l’ampio cartellone di iniziative previste in occasione del Settembre Lucchese, impreziosito quest’anno dalla straordinaria vetrina dei Mondiali di ciclismo”.

“Di pari passo con il proliferare di manifestazioni promozionali di alto livello – aggiunge il presidente di Federalberghi Confcommercio -, però, si sta registrando a mio avviso un importante salto di qualità anche sotto il profilo della mentalità in termini di accoglienza. Una riprova l’abbiamo avuta in occasione del recente giorno di Ferragosto: fino a pochi anni fa, ad agosto gran parte del centro storico si presentava con le serrande abbassate e il classico cartello esposto “chiusi per ferie”. Oggi invece accade il contrario. Segnale chiaro, questo, che gli operatori non solo sanno accogliere il turista con il garbo tipico lucchese che merita, ma hanno anche la capacità di plasmare la propria attività attorno ad esso. E segnale chiaro di una città che sa fare sistema, unendo le forze con impegno e creatività, come dimostrano ad esempio le aperture serali dei negozi durante tutti i giovedì e i venerdì di luglio e inizio agosto, ma l’elenco potrebbe essere lungo”.

“Di tutto ciò – conclude Bonino – non possiamo che ringraziare gli addetti ai lavori, dal settore dei pubblici esercizi ai colleghi delle strutture ricettive, fino a quelli dell’abbigliamento o di altri generi ancora, auspicando che questo percorso continui a produrre, e se possibile migliorare, gli importanti risultati ottenuti sin qua. Il percorso intrapreso è quello giusto, ma si può fare ancora meglio”.