Home » News Generali, Sindacati, Territorio

Zona Ovest, la preoccupazione della Commissione Centro Storico

Inserito il 17 luglio 2013 – 10:55

Esprime preoccupazione la Commissione Centro Storico di Confcommercio, nel farsi interprete dello stato d’animo dei negozianti della zona Ovest della città, sulla base di un’analisi che tenga conto del presente e delle prospettive future delle attività commerciali di quell’area.

“Nonostante il grande impegno profuso dalla nostra commissione assieme al presidente Giovanni Martini – affermano i due rappresentanti di zona Alberto Venga e Caterina Volpi -, le lettere protocollate e gli incontri svolti, ad oggi non è giunta risposta positiva in merito alle tante e delicate questioni poste dagli operatori di zona”.

“Cominciamo – proseguono i due componenti della Commissione Centro Storico – con il sottolineare i disagi provocati dal piano di tagli delle navette, che ha lasciato per la zona Ovest un solo percorso disponibile. Siamo d’accordo sull’intento di potenziare le corse delle navette in alcune zone, ma ciò non deve avvenire a discapito di altre, come è successo nel momento in cui è stato annullato il percorso e le fermate in piazzale Verdi, piazza della Magione e via Vittorio Emanuele. Quella Ovest è una zona con importanti servizi di uffici pubblici, anagrafe e tribunale. La questione, già di per sé preoccupante, inquieta ancora di più alla luce del futuro avvio dei lavori del Piuss a piazzale Verdi, che creerà disagi enormi”.

“Altro tema importante – proseguono Venga e Volpi – è quello della ristrutturazione del parcheggio Palatucci: Commissione e commercianti sono convinti che riaprendo l’accesso alle auto da viale Carlo Del Prete, assieme a un adeguato lavoro di risistemazione del parcheggio (illuminazione e quant’altro), l’area potrebbe tornare ad essere appetibile e facilmente fruibile come strumento di accesso alla città. Ci auguriamo che si trovino risorse da subito in vista del Settembre Lucchese e dei Comics, anziché attendere la bassa stagione quando i turisti se ne saranno andati”.

“Altra proposta che migliorerebbe il traffico e l’accesso nella zona Ovest – insistono Venga e Volpi – è la costruzione di una rotatoria fuori Porta S. Anna (sul modello di Porta Santa Maria) che ne migliorerebbe l’accesso alla stessa e decongestionerebbe il traffico alla rotonda che porta a viale Europa: per chi giunge da viale Carlo Del Prete, infatti, l’accesso alla porta è veramente un’impresa. Anche questa proposta viene definita non realizzabile al momento, bisognerà vedere i prossimi anni. In alternativa proponiamo di ripristinare il semaforo per le auto provenienti da viale Carlo del Prete con svolta a sinistra per entrare a porta S. Anna, in modo da semplificare il percorso. Tutte queste proposte era auspicabile che fossero realizzate prima dei lavori del Piuss, in modo da ottimizzare i vari disagi che inevitabilmente sorgeranno, non dimenticando che la nostra prima idea di spostamento del varco telematico di Porta San Donato, così da rendere promiscuo il parcheggio di piazzale San Donato, è già stata respinta”.