Home » In Evidenza, Sindacati, Territorio

Tassa di soggiorno, Bonino: “Paghino tutti coloro che svolgono attività ricettiva”

Inserito il 23 luglio 2013 – 11:57

Esprime preoccupazione Pietro Bonino, presidente di Federalberghi Confcommercio Lucca, nell’apprendere dalla stampa la notizia relativa ai primi incassi per il Comune della nuova tassa di soggiorno, per il momento inferiori alle aspettative.

“All’inizio del mese di luglio – afferma Bonino -, avevamo chiesto e ottenuto, assieme al direttore di Confcommercio Rodolfo Pasquini, di essere ricevuti dall’assessore Patrizia Favati per conoscere lo stato di avanzamento del nuovo balzello, in prossimità della scadenza indicata per il pagamento della prima trance”.

“Nella circostanza – aggiunge il presidente di Federalberghi -, avevamo manifestato perplessità sulla effettiva possibilità che l’amministrazione riuscisse ad incassare per intero la somma da essa preventivata. Oggi le notizie che leggiamo sui giornali ci confermano questo timore”.

“Non vorremmo – insiste Bonino – che ciò avesse ripercussioni sulla categoria degli albergatori, ovvero sia che il Comune, pur di arrivare al budget previsto in sede di bilancio, alzasse il costo della tassa facendone così ricadere le conseguenze, ancora una volta, sulla nostra categoria”. “Quello che domandiamo – conclude il presidente di Federalberghi – è chiaro e semplice: controlli puntuali e serrati su tutte le attività che ospitano turisti e svolgono di conseguenza attività ricettiva: basta svolgere una breve ricerca su internet per scoprire quanti e quali sono, ad esempio, le case vacanze esistenti sul territorio lucchese. Bene, noi chiediamo soltanto che a pagare siano tutti, e non sempre i soliti noti”.