Home » News Generali, Sindacati

Quando vado in discoteca “Guido con prudenza”

Inserito il 19 luglio 2013 – 15:37

Bob protagonista per il decimo anno consecutivo dell’estate italiana. All’insegna del motto «Chi beve non guida, chi guida non beve», parte la decima edizione di “Guido con Prudenza”, la manifestazione nata 10 anni fa per diffondere anche in Italia la figura del guidatore designato, il “Bob”, ovvero colui che nelle serate di festa tra amici, si impegna a non bere per guidare l’auto e riportare tutti a casa in sicurezza.

L’edizione 2013 del progetto parte oggi, venerdì 19 luglio, e proseguirà per tutti i weekend fino a metà agosto, grazie alla collaborazione tra la Fondazione Ania per la sicurezza stradale, la polizia stradale e il Silb-Fipe Confcommercio.

Quattro le zone d’Italia interessate dal progetto: la riviera romagnola (Rimini, Riccione), la Versilia, il litorale veneto e friulano (Jesolo e Lignano Sabbiadoro) e il litorale pugliese (Lecce, Taranto).

Migliorano i dati relativi ai morti su strada, grazie ad un’opera costante di sensibilizzazione e di informazione sulla sicurezza stradale, come “Guido con Prudenza”. Visto il grande successo ottenuto fino ad oggi, anche l’edizione del 2013 si svolgerà secondo la consolidata formula. All’ingresso dei locali che hanno aderito all’iniziativa, i giovani troveranno un corner della sicurezza stradale dove hostess e steward della Fondazione Ania li inviteranno a nominare il “Bob” della serata, ovvero il guidatore designato che scegliendo di non bere riporterà a casa gli amici senza rischi. Al corner saranno distribuiti alcol test monouso in modo che tutti i ragazzi potranno valutare il proprio stato alcolemico e capire se possono mettersi al volante in sicurezza. Contemporaneamente, la polizia stradale intensificherà i controlli sulle principali strade nei pressi dei locali e, se i ragazzi fermati risulteranno sobri, riceveranno ingressi gratuiti per discoteche nelle settimane successive.

Nella provincia di Lucca i locali che parteciperanno all’iniziativa sono: La Capannina di Forte dei Marmi, Ostras Beach, Bussola e Seven Apples di Marina di Pietrasanta, Tanta Lounge Bar e Mamma Mia di Viareggio, Baronette di Lido di Camaiore.

Maurizio Pasca, presidente Silb, l’associazione italiana imprese di intrattenimento da ballo e di spettacolo aderente a Fipe-Confcommercio, commenta così: «Grazie anche ad iniziative come queste, le discoteche si stanno riaffermando come i luoghi del divertimento sicuro e controllato. Infatti, non è nelle discoteche che si crea un rapporto distorto con l’alcol. I giovanissimi imparano a bere nelle famiglie, come dimostrato in una recente ricerca Fipe-Censis, e spesso sono proprio i genitori ad essere i responsabili delle prime sbornie dei loro figli.