Home » In Evidenza, Territorio

Conto alla rovescia per i Mondiali di ciclismo, Confcommercio lavora con gli enti su accoglienza e promozione

Inserito il 5 giugno 2013 – 09:51

Proseguono i tavoli di confronto e lavoro di Confcommercio con le istituzioni locali, aventi come tema la promozione e l’accoglienza dei Mondiali di ciclismo che, come noto, vedranno il prossimo 29 settembre la partenza da Lucca della corsa in linea dei professionisti.

A tale proposito, una delegazione del Comune formata dall’assessore alle attività produttive Giovanni Lemucchi, dal consigliere delegato allo sport Massimo Tuccori e dal nuovo consulente del settore turismo Andrea Carlo Arrighini si è incontrata a Palazzo Sani col direttore di Confcommercio Rodolfo Pasquini, il presidente del Consorzio centro commerciale Città di Lucca Federico Lanza, il presidente di Federalberghi Lucca Pietro Bonino, il presidente della Commissione centro storico Giovanni Martini e il vicepresidente di Fipe ristoratori Samuele Cosentino.

Nella circostanza i rappresentanti dell’ente di Palazzo Orsetti hanno illustrato il logo ufficiale dei Mondiali e iniziato a concertare iniziative da portare avanti congiuntamente. Le parti torneranno presto ad incontrarsi per approfondire le proposte emerse dal tavolo di Palazzo Sani. La riunione ha fatto seguito agli incontri già tenutisi a Palazzo Ducale, alla presenza oltre che del Comune anche della Provincia e della Camera di Commercio, durante i quali commercianti e ristoratori si erano presi l’impegno di dar vita, durante la settimana della kermesse ciclistica, a iniziative quali menù speciali, vetrine a tema e accoglienza ad hoc, grazie alla sinergia raggiunta su questo punto con gli enti, in primis la Provincia nella persona dell’assessore alle attività produttive Francesco Bambini che Confcommercio, attraverso il presidente Ademaro Cordoni, ringrazia per l’attenzione evidenziata nell’evitare iniziative concorrenziali durante il periodo dei Mondiali, dimostrando così grande sensibilità nei confronti delle categorie economiche, particolarmente apprezzabile visto il momento di gravissima crisi generale.