Home » News Generali, Sindacati

Raccolta rifiuti in città, dopo le multe salate ai negozianti Confcommercio attende impegni concreti dal Comune

Inserito il 23 maggio 2013 – 10:41

Importante riunione, mercoledì 22 maggio, fra l’amministrazione comunale di Lucca (rappresentata dall’assessore all’ambiente Giuseppe Pellegrini Masini), Confcommercio (presenti il presidente della Commissione Centro Storico Giovanni Martini e, per conto del sindacato Fipe ristoratori, il presidente Benedetto Stefani e il suo vice Samuele Cosentino), azienda Usl n. 2, polizia municipale, Sistema Ambiente, Anpana e Confesercenti, avente come oggetto l’applicazione delle sanzioni relative a trasgressioni da parte dei commercianti nella raccolta dei rifiuti all’interno della città.

L’incontro è il seguito, esteso anche alla Usl, di una precedente riunione tenutasi poche settimane fa, ed è stato convocato dall’assessore Pellegrini Masini su precisa richiesta di Confcommercio, a seguito delle tante proteste sollevate dai negozianti colpiti di recente da pesanti multe nell’ordine di diverse centinaia di euro.

L’incontro, resosi necessario per porre un freno ad una escalation di sanzioni che stava penalizzando oltremodo la categoria del commercio, già costretta a fare i conti con la gravissima crisi economica attuale, ha preso il via dalla contestazione dei rappresentanti di Confcommercio non solo per l’ingente numero di sanzioni elevate, ma anche per l’aumento indiscriminato decretato di recente dalla giunta comunale per le sanzioni stesse, passata da un minimo di 50 euro all’attuale minimo di 350 euro e con punte di 500 euro.

Aumento, questo, che preme ricordare come abbia riguardato soltanto le sanzioni per le attività non domestiche, e sia giudicato inaccettabile dalla categoria dei negozianti. Nel corso della discussione, l’assessore Pellegrini Masini si è detto disponibile a rivedere verso il basso le tariffe, con una opportuna differenziazione fra prima e seconda trasgressione.

Apprezzamento da parte di Confcommercio è stato poi espresso per una proposta dell’azienda Usl n. 2 di sostituire i bidoncini in plastica depositati all’esterno dei negozi con sacchi monouso resistenti. Proposta, questa, che nasce per ovviare al problema, appunto, del deposito “a tempo” degli attuali bidoncini che, regolamento alla mano, sono stati oggetto di diverse sanzioni, nell’impossibilità per i gestori dei pubblici esercizi impegnati a lavorare di controllare l’effettivo momento dell’avvenuto ritiro del materiale contenuto nei bidoncini stessi (il regolamento, oggi, lascia solo mezz’ora di tempo al commerciante, dal momento dell’avvenuto ritiro dei rifiuti, per lasciare esposto il bidoncino).

Disponibilità inoltre, sempre su richiesta dei rappresentanti di Confcommercio e Commissione, è stata manifestata nel rivedere anche gli orari di raccolta dei rifiuti per i pubblici esercizi. Infine, il comandante della polizia municipale ha offerto la propria disponibilità a ricontrollare assieme ai commercianti colpiti, verbali e relative foto alla mano, le multe elevate nelle ultime settimane dai vigili.

Gli interessati possono dunque presentarsi sabato mattina al comando di piazzale San Donato, contattando preventivamente Confcommercio e Commissione centro storico, così da formare una unica delegazione. Una volta cambiate le regole e fissate le nuove, infine, verrà avviata una campagna di informazione e sensibilizzazione.

I rappresentanti di Confcommercio e Confesercenti, adesso, attendono di veder tramutate in atti concreti le intenzioni manifestate dall’amministrazione comunale.