Home » In Evidenza, Territorio

Confcommercio ribadisce: “No al mercato antiquario il primo giovedì del mese”

Inserito il 12 aprile 2013 – 08:50

A seguito del dibattito emerso in questi giorni sul futuro del mercato antiquario di Lucca, il direttore di Confcommercio Rodolfo Pasquini intende ritornare sull’argomento per ribadire la posizione dell’associazione di Palazzo Sani:

“Colgo l’occasione – spiega Pasquini – per tornare a esprimere netta contrarietà alla istituzione di una nuova data per il mercato antiquario al primo giovedì di ogni mese, anche a carattere sperimentale. Le ragioni sono semplice: Confcommercio ritiene che si debba potenziare l’attuale data (la terza domenica del mese) e non impoverirla dilatando un calendario ormai consolidato e conosciuto a tutti gli appassionati, che se stravolto potrebbe generare confusione nella clientela. Viceversa, riteniamo che possa essere un’ottima idea, in ambito di riqualificazione del mercato stesso, la possibilità di estenderne l’apertura serale del sabato, nei mesi estivi, fino alle 23 o alle 24, in modo così da attirare gente in città fino a tarda ora”.

“Più in generale – prosegue Pasquini – ricordiamo che la nostra associazione, ben 41 anni fa, è stata fra le promotrici e realizzatrici del mercato antiquario di Lucca, ragion per cui non possono esserci dubbi sull’attaccamento che ci lega a questo appuntamento così tipico del centro storico”.

“Detto questo – insiste il direttore – confermiamo la piena disponibilità di Confcommercio ad ascoltare le esigenze promozionale e riqualificanti dei commercianti del territorio, sia quelli delle varie zone della città, sia quelli esterni alla città stessa, in termini di nuovi eventi capaci di attirare visitatori. Ne è un esempio il nuovo mercato di arti e mestieri che prenderà il via domenica prossima in piazza San Francesco. A nostro avviso la strada per il futuro è questa: iniziative di qualità e al tempo stesso dimensioni contenute, realmente in grado di suscitare l’interesse del pubblico e di spiccare in mezzo al marasma di eventi qualunquisti”.