Home » In Evidenza, Sindacati, Territorio

Martini: “Subito una svolta per il rilancio del commercio in città”

Inserito il 21 gennaio 2013 – 11:23

Continua a tenere banco la questione della sosta delle auto e dei varchi all’interno della città. Giovanni Martini, presidente della Commissione Centro Storico di Confcommercio, interviene in merito alla decisione del Comune di spostare la gratuità mattutina dei parcheggi dalle 8 alle 9. “Visto che è stata giustamente accolta una richiesta dei residenti – afferma Martini a nome di tutta la Commissione -, crediamo che questo sia il momento più adatto per prendere in considerazione anche il piano di riorganizzazione da noi proposto poche settimane fa all’amministrazione, suddiviso zona per zona, che prevede fra i vari punti lo spostamento di alcuni varchi e la realizzazione di nuove aree di sosta a utilizzo promiscuo, ovvero sia a pagamento dalle 9 alle 20, e destinate ai residenti dalle 20 alle 9”. “Gli organi di informazione – aggiunge la Commissione -, ma anche i social network, ci confermano una sensazione diffusa e uno stato d’animo condiviso dall’intera categoria dei commercianti: Lucca ha bisogno di una svolta immediata se vogliamo davvero provare ad uscire da una situazione catastrofica, in cui sono a rischio il futuro di moltissime imprese e migliaia di posti di lavoro”.

Ecco il testo della lettera che la Commissione centro storico ha inviato nei giorni scorsi all’amministrazione comunale di Lucca, contenente le proposte sulla riorganizzazione di viabilità e parcheggi per la città.

ZONA EST

Tutti i negozianti di Via Elisa e Via Santa Croce (nel tratto che va da Via Elisa fino a Piazza Santa Maria Bianca) hanno sottoposto alla nostra attenzione la necessità di addentrare il mercato ambulante di Via dei Bacchettoni all’interno del centro, spostandolo dalla sua attuale collocazione. Istanza, questa, di cui ci facciamo interpreti proponendo una dislocazione del mercato stesso in Piazza San Francesco, facendolo poi sfociare verso, appunto, l’interno della città. Sappiamo che, a tale proposito, l’Amministrazione sta studiando 2/3 soluzioni, che a noi risultano egualmente gradite. Spostare il mercato dentro il centro comporterebbe enormi vantaggi:

• Sblocco della viabilità su Porta Elisa e Porta San Jacopo;

• Sblocco dell’accesso al parcheggio Mazzini e ai posti auto di Via dei Bacchettoni;

• Riqualificazione di Piazza San Francesco;

• Sinergia sempre più forte fra gli ambulanti e le attività commerciali della città;

• Introiti moltiplicati per la società Metro, che nei giorni di mercato, con la “liberazione” di Via dei Bacchettoni e dell’accesso al parcheggio Mazzini, vedrebbe garantito l’utilizzo massiccio di stalli a pagamento oggi completamente inutilizzati.

ZONA NORD

In questa zona, la nostra proposta è di spostare il varco telematico che si trova, entrando in città da Piazza Santa Maria, all’inizio di Via della Cavallerizza, portandolo in Via Cesare Battisti, nel punto di incrocio con Piazza del Collegio. Questa operazione consentirebbe di rendere promiscuo il parcheggio di Piazza del Collegio, ovvero sia a pagamento dalle 9 alle 20 e ad uso dei residenti dalle 20 alle 9, così come avviene già in Piazza della Magiona, e l’utilizzo degli spiazzi che si trovano nei pressi dell’edificio del Real Collegio. Vista l’attenzione della nostra Commissione agli aspetti non soltanto economico – commerciali della città, inoltre, si auspica la possibilità di individuare un’agevolazione che favorisca un migliore accesso alla Clinica Santa Zita.

ZONA OVEST

Accogliamo favorevolmente l’idea dei 30 posti a stallo blu che l’Amministrazione intende ricavare sulla rampa che conduce al Baluardo San Donato e, in concomitanza coi lavori del Piuss a Piazzale Verdi, dei posti a stallo blu che sempre l’Amministrazione intende ricavare nell’area che oggi ospita la sosta dei bus di linea. Sempre riguardo alla zona Ovest, appare di fondamentale importanza rivitalizzare Piazza San Donato, oggi completamente abbandonata a se stessa. Operazione, questa, che andrebbe poi completata con lo spostamento anche di un altro varco telematico, ovvero sia quello posizionato all’ingresso di Porta San Donato, che proponiamo di spostare in Via Pelleria.

L’operazione è L’UNICA POSSIBILE per recuperare, grazie al ripristino ad uso promiscuo di Piazza San Donato, i posti auto che andranno perduti coi lavori del Piuss a Piazzale Verdi, di pari passo con lo spostamento dei bus turistici dal Piazzale stesso, e per salvaguardare le attività di Via San Paolino. E non ci dimentichiamo i grandi vantaggi che, sempre l’uso promiscuo di Piazza San Donato, garantirebbe ai cittadini non residenti che devono recarsi al comando di polizia municipale, alla scuola o in tribunale, oggi difficilmente raggiungibili per chi arriva da fuori città.

ZONA SUD

La nostra proposta è di spostare anche il varco che si trova in Via Carrara, portandolo all’intersezione fra Via Carrara stessa e Via della Mano. Questo consentirebbe di:

• Recuperare i posti non utilizzati nell’area attorno all’ex tribunale, rendendoli ad uso promiscuo;

• Dar vita ad una via di uscita dalla città per le auto dalla tratta Via della Mano – Corso Garibaldi – Piazza della Cittadella e così via, come già accade adesso,

• Recuperare altri 30 stalli ad uso promiscuo, lato destro di Corso Garibaldi in uscita.

• In alternativa, per recuperare questi stalli a uso dei residenti anche in orario pomeridiano, di concerto con gli Assessori di riferimento abbiamo già individuato gli spazi necessari in Via Carrara e Via della Polveriera, ad oggi inutilizzati.

Questo piano, a nostro avviso, in conclusione, consentirebbe di recuperare tre nuovi parcheggi a uso promiscuo in altrettanti punti fondamentali della città, a costo zero, e utilizzando decine di posti auto oggi costantemente vuoti.

Non solo: compiendo un semplice calcolo matematico, appare evidente come l’individuazione di circa 150 nuovi posti auto a uso promiscuo, viste le tariffe vigenti nel centro storico, garantirebbe alla Società Metro nuove entrate annue per un totale ben superiore agli 800 mila euro (1,50 euro all’ora a stallo, moltiplicato per 10 ore al giorno, per 365 giorni all’anno, per 150 posti). Calcolo, questo, che non considera i maggiori introiti che deriverebbero dal maggior utilizzo ogni mercoledì e ogni sabato dei parcheggio Mazzini e dei posti auto di Via dei Bacchettoni, da parte dei clienti del mercato ambulante, qualora esso venisse spostato all’interno della città come da noi proposto.