Home » Igiene e Sicurezza, In Evidenza

Prorogata al 30 giugno 2013 l’autocertificazione della valutazione dei rischi

Inserito il 28 dicembre 2012 – 11:45

Con la Legge di stabilità 2013-2015, approvata il 21 dicembre in via definitiva alla Camera dei Deputati, viene prorogata al 30 giugno 2013 la possibilità di autocertificare la valutazione dei rischi prevista dal comma 5 dell’articolo 29 del D.Lgs. 81/2008 per le aziende che occupano fino a 10 lavoratori. Il provvedimento era stato da tempo annunciato ma mai definitivamente confermato e con quest’ ultimo si risolve il “buco legislativo” che si era creato tra l’entrata in vigore del decreto sulle procedure standardizzate e la scadenza dell’autocertificazione. La proroga concessa dalla Legge consente alle aziende interessate di attuare la norma con più tempo e quindi evitando inutili “corse alla stesura del documento di valutazione rischi”.

All’art. 1, comma 388, della nuova legge si legge infatti:

“È fissato al 30 giugno 2013 il termine di scadenza dei termini e dei regimi giuridici indicati nella tabella 1 allegata alla presente legge.” (la tabella corretta è la 2, in cui si ritrova il riferimento all’articolo 29, comma 5, del D.Lgs. 81/2008)

Il precedente termine del 31 dicembre 2012 previsto dall’articolo 29 del D.Lgs. 81/2008 è quindi ora spostato al 30 giugno 2013 (termine che era già stato spostato il 12 maggio 2012 per evitare che, nelle more della definizione delle procedure standardizzate di effettuazione della valutazione dei rischi i datori di lavoro che occupano fino a 10 lavoratori fossero obbligati, a decorrere dall’1 luglio 2012, ad elaborare il documento di valutazione dei rischi secondo le procedure ordinarie).

La Legge di stabilità 2013-2015 Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Disegno di legge 5534-bis-B, approvato dalla Camera dei deputati della Repubblica il 21 dicembre 2012) è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale.

Per visualizzare il testo della “Legge di stabilità” si rimanda al sito della Camera dei Deputati:

http://leg16.camera.it/_dati/leg16/lavori/schedela/apriTelecomando_wai.asp?codice=16PDL0066550