Home » News Generali, Sindacati

Siglato l’accordo integrativo per i dipendenti stagionali o a tempo determinato degli stabilimenti balneari

Inserito il 17 settembre 2012 – 09:32

E’ un altro importante accordo integrativo, quello sottoscritto lo scorso 10 settembre da parte di Confcommercio Imprese per l’Italia – provincia di Lucca, Confesercenti Versilia e le organizzazioni sindacali Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Ulitucs Uil in merito al contratto collettivo nazionale di lavoro per i dipendenti stagionali e/o a tempo determinato operanti nelle attività presenti negli stabilimenti balneari della Versilia. Tale intesa avrà validità fino al 31 dicembre 2013 e va a regolare rapporti di lavoro, mansioni e trattamento economico di tutti coloro che, a vario titolo, si trovano ad operare all’interno degli stabilimenti balneari. Per maggiori informazioni al riguardo è possibile rivolgersi direttamente agli uffici dell’Associazione di Palazzo Sani, chiamando allo 0583/47311 (referente, il Vicedirettore Roberto Perna). Di seguito, il testo integrale dell’accordo.

ACCORDO INTEGRATIVO AL CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIPENDENTI STAGIONALI E/O A TEMPO DETERMINATO OPERANTI NELLE ATTIVITA’ PRESENTI PRESSO GLI STABILIMENTI BALNEARI DELLA VERSILIA

(Viareggio – Lido di Camaiore – Marina di Pietrasanta – Forte dei Marmi)

Il giorno 10 (dieci) del mese di settembre dell’anno 2012 nella sede della Confcommercio Imprese Per L’Italia – Provincia di Lucca – Via Fillungo, 121 -Lucca

TRA

LA CONFCOMMERCIO IMPRESE PER L’ITALIA della Provincia di Lucca rappresentata dal Presidente Ademaro Giovanni Cordoni e dal direttore Rodolfo Pasquini, assistiti dal Dott. Roberto Perna , vice-direttore Confcommercio Provincia di Lucca.

- LA CONFESERCENTI – VERSILIA rappresentata dal direttore Emanuele Pasquini e da Roberto Bertolucci;

E

- La FILCAMS-CGIL Versilia rappresentata dal segretario provinciale Massimiliano Bindocci;

- La FISASCAT-CISL rappresentata dal segretario provinciale Giampiero Guidi;

- La UILTuCS-UIL rappresentata dal segretario provinciale Giovanni Francesco Sgro’;

VISTO

- L’Accordo provinciale sul mercato del lavoro del 1° aprile 1999;

- Il C.C.N.L. TURISMO del 19 luglio 2003;

- L’Accordo di rinnovo al CCNL Turismo del 27/072007;

- L’Accordo di rinnovo al CCNL Turismo del 20/02/2010;

- L’Accordo integrativo per le attività operanti negli stabilimenti balneari del 31/08/2005;

- L’Accordo integrativo per i PP.EE del 30/08/2011.

CONSIDERATO

Il territorio della Provincia di Lucca nella sua specificità con offerte turistiche differenziate per aree contigue, con una cultura e tradizione di ospitalità ed accoglienza turistica di qualità, si conviene di individuare nella contrattazione di secondo livello gli strumenti per promuovere il prodotto turistico della provincia di Lucca.

Si conviene pertanto di creare gli strumenti necessari per monitorare i dati turistici, il mercato del lavoro e per favorire la promozione ed il sostegno delle attività turistiche.

Si è stipulato sulla base sia di quanto previsto dall’art. 10 del CCNL Turismo del 19 luglio 2003 che dall’art. 8 del DL 138/2011, così come modificato in legge n. 148 del 14/09/2011, il seguente accordo provinciale integrativo al CCNL Turismo del 20/02/2010, finalizzato alla maggiore occupazione, alla qualità dei contratti di lavoro, alla emersione di lavoro irregolare, agli incrementi di competitività e di salario, per le aziende di cui al successivo art. 1 operanti nei comuni di Viareggio, Camaiore, Pietrasanta e Forte dei Marmi.

ART. 1 – VALIDITA’ E SFERA DI APPLICAZIONE

Il presente accordo integrativo al CCNL Turismo del 20/02/2010 disciplina i rapporti di lavoro per il personale del comparto degli stabilimenti balneari di cui all’art. 372 del CCNL Turismo del 19/07/2003 e successive modificazioni e per il personale dei PP. EE gestiti in forma accessoria e stagionale, anche con licenze separate e/o da soggetti diversi, all’interno dello stabilimento balneare quale attività principale.

Il presente contratto integrativo costituisce, in ogni sua norma e nel suo insieme, condizione necessaria per il godimento dei benefici normativi e contributivi previsti dalle vigenti normative locali, regionali, nazionali o comunitarie.

ART. 2 – RELAZIONI SINDACALI

A seguito di una attenta valutazione dei problemi del settore turismo, le parti concordano sulla necessità di instaurare costanti relazioni sindacali che producano azioni mirate a rilanciare e valorizzare il turismo come filiera produttiva centrale nello sviluppo della Provincia.

Si conviene di sviluppare periodici incontri su temi centrali quali:

- promuovere, presso gli enti, le amministrazioni e la Capitaneria di Porto, richieste per favorire iniziative utili a superare i limiti della stagionalità, anche attraverso il coordinamento e la calendarizzazione delle varie iniziative;

- promuovere sia con iniziative che con la diffusione di materiale informativo la conoscenza del contratto di lavoro, le prerogative delle imprese e dei lavoratori. In particolare favorire la conoscenza e l’adesione ai fondi di assistenza e previdenza integrativa, i servizi ed i compiti dell’Ente Bilaterale del Turismo, le funzioni dell’OPP, la diffusione del ruolo degli RLST e quanto previsto dal CCNL e dagli accordi territoriali;

- monitorare tramite l’Osservatorio del Mercato del Lavoro, presso i Centri Servizio dell’EBTT, i dati complessivi relativi al flusso turistico e alle sue dinamiche e le criticità aziendali più diffuse;

- promuovere iniziative comuni per contrastare il lavoro irregolare.

Le parti si impegnano ad incontrarsi entro il mese di maggio di ogni anno per definire la retribuzione “teorica” mensile per alcune figure professionali.

ART. 3 – SICUREZZA

Le parti, attraverso l’Organismo Paritetico Provinciale e con il coinvolgimento degli Enti preposti alla vigilanza in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro, si impegnano a promuovere le iniziative necessarie per garantire al personale dipendente una maggiore sicurezza sui luoghi di lavoro sia in materia di infortuni che di malattie professionali, nonché una formazione sulle responsabilità verso i clienti ed una informazione ai clienti stessi sulle loro responsabilità.

Le parti concordano sulla necessità di definire annualmente il programma di interventi degli RLST al fine di raggiungere gli scopi e gli obiettivi prefissati dall’Organismo Paritetico.

Le parti convengono sulla opportunità di attivarsi congiuntamente nei confronti degli Enti, delle Amministrazioni e delle Autorità preposte tra cui la Capitaneria di Porto per la ricerca di soluzioni in materia di sicurezza anche attraverso l’adozione di sistemi di aggiornamento volti alla formazione degli addetti

ART. 4 – PARI OPPORTUNITA’

Le parti riconoscono l’importanza di monitorare i fenomeni nel mercato del lavoro femminile nel suo complesso necessario per valutare l’evoluzione dell’occupazione femminile nei vari aspetti sul territorio provinciale.

Le parti si impegnano a realizzare tutte le iniziative che il gruppo di lavoro per le pari opportunità, in ossequio all’art. 7 del CCNL del 19/07/2003 e successive modificazioni, avrà individuato.

Le parti si impegnano a monitorare tramite l’Osservatorio del Mercato del Lavoro il fenomeno delle dimissioni per giusta causa, in particolare la situazione delle donne nei luoghi di lavoro.

ART. 5 – FORMAZIONE PROFESSIONALE

Nella considerazione che lo sviluppo delle risorse umane passa attraverso la formazione professionale le parti procederanno alla verifica dei fabbisogni e dei percorsi formativi avvalendosi dei Centro Servizi dell’Ente Bilaterale Turismo Toscano. Particolare attenzione e verifica dovrà essere posta alle aziende rientranti nel presente accordo, in quanto aziende stagionali e piccole imprese, affinché la formazione sia erogata nel rispetto dei programmi formativi previsti per gli apprendisti, per i tirocini formativi, per i corsi riconosciuti e finanziati dagli Enti e per l’inserimento degli immigrati nel mondo del lavoro.

ART. 6 – CLASSIFICAZIONE E MANSIONI DEL PERSONALE

Assistente ai Bagnanti (Liv. V)

L’assistente ai bagnanti ha il compito di fare la sorveglianza ed il salvataggio bagnanti nonché provvedere alla pulizia della spiaggia, alla sistemazione degli ombrelloni, delle tende, dei tavoli, delle sdraie, delle poltrone e dei lettini, alla messa in mare e al tiraggio a secco ed ormeggio delle imbarcazioni sia private che dello stabilimento, alla esecuzione delle piccole riparazioni che si rendessero necessarie alle imbarcazioni o ad altro materiale ed attrezzature dello stabilimento.

Qualora il concessionario lo richieda e fornisca il materiale provvede alla esecuzione dei lavori di preparazione e di pre-apertura (prima dell’inizio della stagione) quali eventuale tinteggiatura delle cabine, delle attrezzature, delle imbarcazioni, delle sdraio, dei lettini e quanto altro, ed a qualsiasi altro lavoro relativo alla sistemazione dello stabilimento, al rimessaggio delle imbarcazioni e degli arredi ed alla chiusura protettiva del bagno alla fine della stagione.

L’assistente ai bagnanti che ha svolto effettivamente tale mansione per almeno 3 stagioni a partire dalla 4à (quarta) stagione matura il diritto, fermo restando l’inquadramento al V livello, a percepire la retribuzione prevista per i dipendenti inquadrati al IV livello del CCNL Turismo.

Inserviente di stabilimento, o cabina o capanno, o agli spogliatoi

(comunemente chiamato bagnino-Liv. VI)

Ha il compito di svolgere le varie mansioni manuali richieste per la buona conduzione dello stabilimento balneare. Vi rientrano tra i vari compiti anche quelli svolti dall’assistente ai bagnanti ad eccezione delle mansioni di vigilanza e di salvataggio bagnanti.

Guardarobiere/a – Addetto/a alle pulizie (Liv. VII)

Ha il compito di provvedere alla pulizia giornaliera delle cabine e dei servizi dello stabilimento, alla lavatura ed asciugatura dei costumi da bagno, alla cura e alla conservazione degli indumenti o biancheria ricevuti in consegna.

Inoltre nei limiti di tempo consentiti dallo svolgimento delle proprie mansioni, aiuteranno l’altro personale nella lavatura delle poltrone, lettini, sdraio, ombrelloni e tende da mare e da spiaggia e quanto altro. Potrà inoltre essere impiegata nei lavori di pre-apertura e chiusura dello stabilimento.

ART. 7 – FORME DI CONTRATTO

CONTRATTO WEEK- END

Potranno essere attivati contratti di lavoro di durata di almeno otto ore settimanali per le prestazioni da rendersi durante il fine settimana.

I contratti week-end possono essere stipulati con lavoratori studenti, che frequentano corsi di ogni ordine e grado, e/o con lavoratori occupati a tempo parziale presso altro datore di lavoro.

Il venir meno di uno di questi requisiti da parte del lavoratore non comporta l’estinzione automatica del rapporto di lavoro per cui era stato instaurato.

Restano ovviamente ferme le norme di legge che regolano l’età minima per l’accesso al lavoro.

La prestazione lavorativa giornaliera non può essere frazionata in prestazioni inferiori alle 3 ore.

ART. 8 – LAVORO A TEMPO PARZIALE

In deroga all’articolo 69 del CCNL Turismo 19 luglio 2003 e successive modifiche ed integrazioni, il limite minimo per la stipula di un rapporto di lavoro a tempo parziale, ad esclusione per l’assistente bagnanti, è fissato in dieci ore settimanali o in quarantadue ore mensili per i lavoratori studenti e/o con lavoratori occupati a tempo parziale presso altro datore di lavoro.

La prestazione lavorativa giornaliera non può essere frazionata in prestazioni inferiori alle due ore.

ART. 9 – LAVORO SUPPLEMENTARE

Nel rapporto di lavoro a tempo parziale, il ricorso al lavoro supplementare è consentito nel limite di 40 ore settimanali per il personale occupato presso i PP.EE gestititi in forma accessoria e stagionale e per il personale impiegatizio (artt. 372 – 380 CCNL) dello stabilimento balneare e nel limite di 44 ore settimanali per il personale non impiegatizio (artt. 372 – 380 CCNL) dello stabilimento balneare.

Le parti riconoscono che le maggiorazioni previste per il lavoro supplementare sono riconducibili nell’ambito applicativo della detassazione di cui all’art. 1, comma 47, della legge n. 240 del 2010 e successive modifiche ed integrazioni, nei limiti ed alle condizioni previste dalla normativa applicabile e dalle indicazioni ministeriali dell’Agenzia delle Entrate.

ART. 10 – DISTRIBUZIONE ORARIO DI LAVORO

La distribuzione dell’orario settimanale di lavoro per il personale dei PP.EE gestiti in forma accessoria e stagionale, in deroga all’art. 306 del CCNL, è fissata in sei giornate.

ART. 11 – RECUPERO PRESTAZIONI LAVORATIVE STRAORDINARIE PER I CONTRATTI A TERMINE E/O STAGIONALI

L’azienda, per superare la stagionalità, per non disperdere le professionalità e per favorire al lavoratore la maturazione del diritto all’indennità di disoccupazione, può istituire in accordo col lavoratore il recupero delle prestazioni lavorative straordinarie.

Le ore di lavoro straordinario svolte dai lavoratori, nei limiti previsti dalla legge e dal CCNL vigente, nel periodo 1/06 – 30/09, ad eccezione di quelli assunti per la sostituzione di lavoratori con diritto di conservazione del posto di lavoro, sono recuperate, previo accordo sindacale, dal lavoratore attraverso il prolungamento del rapporto di lavoro per un periodo retribuito pari al monte ore di lavoro straordinario prestato. Nel caso in cui le ore di lavoro straordinario vengano recuperate attraverso il prolungamento dell’orario di lavoro al lavoratore non compete alcuna maggiorazione per le ore di lavoro straordinario utilizzato per il prolungamento del rapporto.

ART. 12 – LAVORO STRAORDINARIO – LAVORO FESTIVO

Il lavoro straordinario è compensato con la retribuzione ragguagliata ad ore maggiorata del 30 per cento se diurno e del 60 per cento se notturno.

Il lavoro prestato nelle giornate di festività nazionali ed infrasettimanali di cui all’art. 117 del CCNL viene compensato per le ore di servizio effettivamente prestate maggiorate del 35% per il personale dello stabilimento balneare e del 20% per il personale dei PP.EE gestiti in forma accessoria e stagionale all’interno dello stabilimento balneare.

Fermo restando il diritto al godimento, da parte del lavoratore, del giorno di riposo settimanale, qualora il dipendente, data l’esigenza di servizio, dovuta dalla particolare caratteristica dell’attività stagionale, viene a prestare attività lavorativa in detto giorno, avrà diritto alla sola maggiorazione del 35% per le ore di servizio effettivamente prestate dal personale dello stabilimento balneare e del 20% per il personale dei PP.EE gestiti in forma accessoria e stagionale all’interno dello stabilimento balneare, fermo restando il diritto al godimento del riposo compensativo da concordarsi direttamente tra le parti in un giorno diverso da quello della domenica o di altra festività.

ART. 13 – ORARIO DI LAVORO – RETRIBUZIONE ORARIA

Per il personale dipendente da aziende stabilimenti balneari, rientrante nella classifica di cui all’art. 372 del CCNL del 19/07/2003, la durata normale del lavoro settimanale effettivo è fissata in quaranta ore per il personale impiegatizio ed in quarantaquattro ore per il personale non impiegatizio.

Per il personale dipendente da PP.EE (accessori e stagionali), rientrante nella classifica di cui all’art. 294 del CCNL del 19/07/2003 la normale durata del lavoro settimanale effettivo è fissata in quaranta ore.

La retribuzione oraria si ottiene dividendo la retribuzione normale mensile per:

- 190 per il personale non impiegatizio degli stabilimenti balneari con orario di quarantaquattro ore settimanali.

- 172 per il personale impiegatizio degli stabilimenti balneari e dei PP.EE con orario normale di quaranta ore settimanali.

ART. 14 – 3° ELEMENTO

Al solo personale dipendente da aziende stabilimenti balneari, rientrante nella classificazione di cui all’art. 372 dell CCNL, viene riconosciuto un 3° elemento mensile nelle seguenti misure :

Quadro A – B € 40,34

Livello I € 40,34

Livello II € 40,34

Livello III € 40,34

Livello IV € 40,34

Livello V € 40,22

Liv. V assistente ai bagnanti

1° stagione € 8,04 (20%)

Liv. V assistente ai bagnanti

2a stagione € 16,09 (40%)

Liv. V assistente ai bagnanti

3° stagione € 24,13 (60%)

Liv. V assistente ai bagnanti

dalla 4° stagione in poi € 40,22

Livello VI Super € 38,08

Livello VI € 35,97

Livello VII € 35,16

CHIARIMENTI A VERBALE

All’assistente ai bagnanti prime 3 stagioni il 3° elemento spetta nella misura del 20%, del 40% e del 60%, rispettivamente per la 1a stagione, per la 2a stagione e per la 3a stagione, del valore del 3° elemento spettante all’assistente ai bagnanti a partire dalla 4a stagione in poi, avuto riguardo al numero delle stagioni svolte nella medesima mansione dal lavoratore.

In caso di rapporto di lavoro part-time il valore del 3° elemento è riproporzionato rispetto all’orario normale (40 ore settimanali per il personale impiegatizio; 44 ore settimanali per il personale non impiegatizio).

ART. 15 – PERSONALE PP.EE – MAGGIORAZIONI

Per il personale dipendente, operante all’interno dei PP.EE gestiti in forma accessoria e stagionale (aziende stagionali) all’interno dello stabilimento balneare, rientrante nella classifica di cui all’art. 294 del CCNL, l’art. 300 del CCNL del 19/07/2003 e successive modificazioni è così disciplinato:

- CONTRATTO A TERMINE O A TEMPO DETERMINATO – Le ore di lavoro effettivamente prestate nel periodo 1/06 – 30/09 dal suddetto personale sono compensate con la normale retribuzione oraria maggiorata:

• del 2,5 % (duevirgolacinquepercento) se il contratto ha una durata pari o superiore a 78 giornate retribuite;

• del 5 % (cinquepercento) se il contratto ha una durata inferiore a 78 giornate retribuite.

Le parti riconoscono che le suddette maggiorazioni sono riconducibili nell’ambito applicativo della detassazione di cui all’articolo 1, comma 47 della legge 240/2010 e successive modificazioni, nei limiti ed alle condizioni previste dalla normativa applicabile e dalle indicazioni ministeriali dell’Agenzia delle Entrate.

CHIARIMENTO A VERBALE

Le ore ordinarie prestate dal lavoratore stagionale al di fuori del periodo 01/06 – 30/09 sono retribuite con la normale retribuzione senza alcuna maggiorazione.

NOTA A VERBALE

Le parti riconoscono che le maggiorazioni previste dall’art. 300 del CCNL Turismo del 19/07/2003, come modificato sia dall’accordo di rinnovo del 27/07/2007 che dall’accordo di rinnovo del 20/02/2010, non trovavano e non trovano applicazione nei confronti dei lavoratori dei PP.EE gestiti in forma accessoria e stagionale all’interno dello stabilimento balneare. A questo personale trovava applicazione, sino alla data di entrata in vigore del presente accordo, esclusivamente l’accordo integrativo per i dipendenti operanti nelle attività presenti presso gli stabilimenti balneari del 31 agosto 2005.

ART. 16 – RETRIBUZIONE ONNICOMPRENSIVA

Le parti rinviano a quanto disciplinato in merito dall’articolo 15 del CCNL Turismo del 19 luglio 2003 e successive modificazioni, con l’impegno di incontrarsi entro il 31 maggio 2013 per rivedere e disciplinare sistemi di retribuzione che prevedano la corresponsione con cadenza mensile degli elementi salariali differiti e/o il conglobamento di ulteriori elementi.

ART. 17 – PREMIO DI RISULTATO

Al solo personale dipendente da aziende stabilimenti balneari, rientrante nella classificazione di cui all’art. 372 del CCNL spetta il premio di risultato, per il lavoro prestato nel periodo 01/06 – 30/09, con le gradualità sotto indicate:

A TUTTO IL PERSONALE CON ESCLUSIONE DELL’ASSISTENTE AI BAGNANTI

Quadro A-B € 331,58

Livello I € 331,58

Livello II € 331,58

Livello III € 331,58

Livello IV € 331,58

Livello V € 331,58

Livello VI Super € 290,69

Livello VI € 274,33

Livello VII € 238,91

ASSISTENTE AI BAGNANTI

- assistente ai bagnanti 1à stagione € 150,00

- assistente ai bagnanti 2à stagione € 270,00

- assistente ai bagnanti 3à stagione € 390,00

- assistente ai bagnanti dalla 4à stagione in poi € 600,00

All’assistente ai bagnanti prime 3 stagioni il premio di risultato spetta nella misura del 25%, del 45% e del 65%, rispettivamente per la 1a stagione, per la 2a stagione, e per la 3a stagione, del valore del premio di risultato spettante all’assistente ai bagnanti dalla 4à stagione in poi avuto riguardo al numero delle stagioni svolte nella medesima mansione dal lavoratore.

Al solo personale dipendente da PP.EE, gestiti in forma accessoria e stagionale all’interno dello stabilimento balneare quale attività principale, rientrante nella classificazione di cui all’art. 294 del CCNL spetta il premio di risultato, per il lavoro prestato nel periodo 01/06 – 30/09, con le gradualità sotto indicate:

Quadro A-B € 175,00

Livello I € 150,00

Livello II € 150,00

Livello III € 150,00

Livello IV € 125,00

Livello V € 125,00

Livello VI Super € 100,00

Livello VI € 100,00

Livello VII € 100,00

Il premio di risultato viene erogato al termine del rapporto di lavoro in aggiunta al trattamento di fine rapporto.

L’azienda calcolerà l’importo spettante a ciascun lavoratore in proporzione alle giornate di effettiva prestazione lavorativa rese dal lavoratore stesso nel periodo 01/06 – 30/09. Per giornate di effettiva prestazione lavorativa si intendono quelle retribuite, escluse la malattia e l’astensione facoltativa (congedo parentale), nonché ogni altra aspettativa non retribuita. In caso di rapporto di lavoro part-time il premio sarà corrisposto tenendo conto sia delle giornate di effettiva prestazione che dell’orario svolto rispetto all’orario normale di lavoro di cui al precedente art. 13. Al personale apprendista il premio è corrisposto secondo le percentuali e le modalità di cui all’art. 65 del CCNL del 19/07/2003, con riguardo al periodo 01/06 – 30/09 ed all’orario di lavoro.

Per il personale dipendente da PP.EE, gestiti in forma accessoria e stagionale all’interno dello stabilimento balneare quale attività principale, il premio non è dovuto, in ogni caso, qualora la prestazione lavorativa effettiva abbia avuto una durata non superiore a 25 giornate comprese nel periodo 01/06 – 30/09.

Il premio di risultato essendo un premio da corrispondersi in aggiunta al trattamento di fine rapporto, non è utile né ai fini della determinazione e della corresponsione delle competenze correnti, né ai fini dell’indennità di noleggio sulle imbarcazioni, né ai fini del T.F.R., né ai fini delle altre competenze e/o istituti contrattuali.

Le parti riconoscono che il suddetto premio è riconducibile nell’ambito applicativo della detassazione di cui all’articolo 1, comma 47 della legge 240/2010 e successive modificazioni, nei limiti ed alle condizioni previste dalla normativa applicabile e dalle indicazioni ministeriali dell’Agenzia delle Entrate.

NOTA A VERBALE

L’erogazione del premio sarà connessa all’incremento del flusso turistico durante il periodo dell’alta stagione dell’anno di riferimento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Le parti si impegnano ad incontrarsi annualmente per la verifica del flusso turistico nel periodo di alta stagione dell’anno di riferimento rispetto all’anno precedente a quello di riferimento.

ART. 18 – SOMMINISTRAZIONE VITTO

Qualora il dipendente dovesse usufruire del vitto e/o alloggio, l’imprenditore ha facoltà di operare al lavoratore la trattenuta in atto prevista dal vigente CCNL Turismo.

Resta sempre la facoltà del dipendente di rinunciare alle prestazioni di cui sopra.

ART. 19 – INDENNITA’ DI NOLEGGIO SULLE IMBARCAZIONI

E’ riconosciuta al personale assistente ai bagnanti che sia stato abilitato alla assistenza ed ai servizi diretti sulle imbarcazioni di noleggio, una indennità per il noleggio delle imbarcazioni di proprietà dello stabilimento balneare.

La misura dell’indennità succitata è stabilita nella percentuale del 50% del ricavato al netto IVA da parte del concessionario dello stabilimento per il noleggio delle imbarcazioni.

L’indennità così determinata è ripartita fra tutto il personale di cui al precedente primo comma.

Nel caso in cui il lavoratore presti la propria attività per un periodo inferiore alla stagione o in caso di rapporto di lavoro part-time, l’indennità dovuta sarà corrisposta in misura proporzionale alla durata del rapporto e/o dell’orario, fermo restando che l’indennità va comunque sempre ripartita fra tutto il personale (assistente ai bagnati e/o assistente ai bagnanti per le prime tre stagioni) adibito a tale servizio.

Inoltre essendo l’indennità di noleggio sulle imbarcazioni riconosciuta quale indennità da corrispondersi in aggiunta al trattamento di fine rapporto, essa non è considerata utile né ai fini della corresponsione delle competenze correnti, né ai fini del premio di risultato, né ai fini del calcolo di T.F.R. né ai fini della corresponsione delle altre competenze contrattuali.

L’indennità è corrisposta al termine del rapporto di lavoro in aggiunta al trattamento di fine rapporto.

ART. 20 – COMPENSO SUI NATANTI PRIVATI

La misura del compenso per i servizi diretti prestati dall’assistente bagnanti sui natanti privati è lasciata alla libera contrattazione delle parti (concessionario e lavoratore).

ART. 21 – CONDIZIONI DI MIGLIORE FAVORE

Restano salve le condizioni di miglior favore per i lavoratori eventualmente riconosciute dal datore di lavoro e derivanti da pattuizioni aziendali o individuali.

ART. 22 – NORME DI RINVIO

Per tutto quanto non disciplinato dal presente accordo integrativo valgono le norme contenute nel CCNL – Turismo del 19/7/2003, così come modificato sia dall’accordo di rinnovo del 27/07/2007 che dall’accordo di rinnovo del 20/02/2010 e sia da successive modificazioni ed integrazioni e dalla legislazione vigente in materia.

ART. 23 – VALIDITA’ E SFERA DI APPLICAZIONE

Il presente accordo integrativo sostituisce,assorbe ed annulla ad ogni effetto le norme ed i trattamenti economici previsti da tutti i precedenti accordi integrativi per gli stabilimenti balneari e per le attività presenti presso gli stabilimenti balneari, nonché le norme e le consuetudini locali, in quanto da esso disciplinate, riferentisi a tutte le attività presenti negli stabilimenti balneari della Versilia (Viareggio – Lido di Camaiore – Marina di Pietrasanta – Forte dei Marmi).

ART. 24 – DECORRENZA E DURATA

Il presente accordo integrativo entra in vigore dalla data del 10 settembre 2012 e sarà valido per un (1) anno fino al 31 dicembre 2013, sia per la parte normativa che per la parte retributiva.

Si intenderà tacitamente prorogato di anno in anno (1/1 – 31/12) quando non ne sia stata data disdetta da una delle parti stipulanti a mezzo lettera raccomandata da inviarsi all’altra parte almeno tre mesi prima della scadenza.

Il presente accordo integrativo provinciale cesserà di produrre i suoi effetti alla scadenza del termine iniziale o di quello prorogato qualora venga disdettato da almeno una delle parti stipulanti nei modi sopra indicati.

DICHIARAZIONE A VERBALE

Le parti si impegnano ad incontrarsi entro il 31 maggio 2013 per verificare la validità e la attualità del presente accordo con particolare riferimento agli assistenti bagnanti con la gestione delle attività alla luce dei profondi possibili cambiamenti in discussione (Bolkestein e mercato del lavoro).

[gview file="http://www.confcommercio.lu.it/ascom/wp-content/uploads/2012/09/Acc.-Int.vo-Stabilimenti-Balneari-10-09-2012-firmato.pdf"]