Home » In Evidenza, Sindacati

Benzinai sul piede di guerra: 3 giorni di sciopero, ma il Garante stoppa tutto

Inserito il 18 luglio 2012 – 13:18

Faib, Fegica e Figisc/Anisa Confcommercio,  sindacati che riuniscono benzinai della rete ordinaria e gestori delle aree di servizio autostradali, hanno annunciato oggi con una nota uno sciopero di tre giorni dei distributori, da venerdì 3 a domenica 5 agosto, contro i tagli dell’industria petrolifera e il mancato intervento del Governo.

Ma Roberto Alesse, Presidente dell’Autorità di garanzia sugli scioperi, ha segnalato che lo sciopero del 3 agosto è impossibile, dal momento che quel giorno “rientra tra i periodi di franchigia”, e ha chiesto ai gestori di “escludere dal fermo le zone colpite dal sisma in Emilia, ove vige lo stato di emergenza”.

Nella nota i sindacati hanno annunciato, in caso di mancato intervento dell’esecutivo contro comportamenti “in aperta violazione delle leggi”, “la chiusura di tutti gli impianti di rifornimento carburanti, self service compresi, sia su rete ordinaria che autostradale”.

Tra i comportamenti dell’industria petrolifera contestati dalle organizzazioni sindacali, si legge ancora, ci sono “accordi collettivi scaduti e non rinnovati; margini tagliati unilateralmente fino al 70%; licenziamenti forzati degli addetti alla distribuzione; rifiuto di adottare diverse tipologie contrattuali; discriminazioni sui prezzi che spingono fuori mercato migliaia di impianti senza possibilità di reazione alcuna, vendite autostradali totalmente cannibalizzate”.

Secondo Faib, Fegica e Figisc/Anisa Confcommercio sono oltre 20 mila le piccole imprese di gestione e circa 120 mila le persone colpite da questi “comportamenti”.

 Tra le iniziative annunciate, dilazionate nel tempo e di “asprezza crescente”, c’è anche la “sospensione dei pagamenti del rifornimento carburanti attraverso carte di credito, pago bancomat e carte bancarie” dal 30 luglio al 5 agosto.

Il Garante dello sciopero, per parte sua, ha segnalato che gli scioperi non possono essere proclamati neanche nei giorni compresi tra il 10 e il 20 agosto o tra il 26 agosto e il 5 settembre.