Home » In Evidenza, Sindacati, Territorio

Ancora allarme rapine: la preoccupazione di Confcommercio per il colpo a Pietrasanta

Inserito il 21 giugno 2012 – 14:02

Non si abbassa il livello di attenzione da parte di Confcommercio Imprese per l’Italia – provincia di Lucca in materia di sicurezza, divenuto uno dei temi portanti dell’associazione a seguito della continua escalation di violenza e atti criminosi che sta colpendo commercianti di varie zone del territorio.

A tale proposito il direttore Rodolfo Pasquini intende esprimere alcune considerazioni sulla rapina a mano armata verificatasi mercoledì scorso all’interno della gioielleria Nasi di Pietrasanta.

“Episodi come questo – dice Pasquini – suscitano paura ed enorme preoccupazione. Un fatto simile era avvenuto poche settimane fa nel centro storico di Lucca, all’interno della gioielleria Pedonesi. Oggi dunque, nell’esprimere piena vicinanza ai titolari e alla commessa della gioielleria Nasi, ci troviamo costretti a ripetere gli stessi concetti. Confcommercio è a fianco degli operatori e non soltanto con le parole: lo scorso 25 maggio, nella nostra sede di Lucca, abbiamo ospitato un’importante tavola rotonda sulla sicurezza, a cui hanno preso parte le principali autorità civili e militari della provincia”.

“La nostra associazione sta dialogando da tempo con le forze dell’ordine e le istituzioni, alla ricerca di soluzioni che forniscano più garanzie ai commercianti, come ad esempio sistemi di videosorveglianza e pattugliamenti potenziati e mirati a cavallo degli orari di chiusura dei negozi. E in cambio, dai nostri interlocutori, abbiamo ricevuto risposte altrettanto importanti in tema di attenzione e impegno. Certamente non intendiamo abbassare la guardia di fronte a un fenomeno che, come spesso purtroppo la cronaca locale ci mostra, sta assumendo contorni sempre più inquietanti”.