Home » In Evidenza, Sindacati

Prezzi alle stelle alle pompe di benzina: l’analisi di Figisc

Inserito il 10 gennaio 2012 – 10:29
Parliamo di: , ,

Dopo il rialzo dovuto all’entrata in vigore delle addizionali regionali, per i prossimi giorni la Figisc nazionale prevede un aumento dei prezzi di benzina e gasolio nell’ordine di 1 centesimo al litro in media.

La scorsa settimana i prezzi alla pompa della benzina erano saliti di 0,020 euro al litro, soprattutto per effetto delle addizionali regionali di accisa, mentre per il gasolio si era segnalato un aumento di 0,006 euro al litro.

Nel panorama europeo dei prezzi, l’Italia – in una classifica decrescente dal prezzo più caro a quello meno caro – rimane attestata alla rilevazione del 19 dicembre: al primo posto per il prezzo della benzina ed al secondo posto per quello del gasolio.

L’anno si è aperto con una nuova spinta verso l’alto dei prezzi della benzina, dovuta all’entrata in vigore di ulteriori o nuove addizionali regionali di accisa su questo prodotto. Tre Regioni (Lazio, Toscana ed Umbria) hanno introdotto l’addizionale ex novo, due (Liguria e Marche) hanno incrementato l’addizionale che già era in vigore, cinque (Calabria, Campania, Molise, Piemonte e Puglia) hanno mantenuto inalterata l’addizionale che già praticavano e solo una, l’Abruzzo, l’ha soppressa.

Circa il 48 % dei consumi nazionali di benzina è gravato oltre che dalla accisa nazionale (0,704 euro/litro) dalle diverse addizionali, con il risultato che l’accisa media nazionale sulla benzina è salita a 0,721 euro al litro, contro 0,712 di fine 2011 e contro 0,567 ad inizio 2011: un aumento di 0,154 euro al litro, che diventa 0,186 con l’effetto trascinamento dell’Iva sull’accisa.

Per i prossimi giorni Figisc prevede un ulteriore aumento dei prezzi: mentre le quotazioni del greggio Brent sono salite fino a 113 dollari al barile, le chiusure del Platt’s delle ultime due giornate hanno fatto registrare forti variazioni in aumento per la benzina (+0,026 euro al litro) e per il gasolio (+0,031 euro al litro), non ancora riversate sul prezzo nazionale.

Queste condizioni, purtroppo, fanno sì che ci si possa attendere un aumento dei prezzi nei prossimi giorni, nell’ordine di circa 1centesimo al litro in media tra i prodotti.