Home » Sindacati

I negozianti ortofrutticoli chiedono concertazione con Coldiretti

Inserito il 11 agosto 2011 – 09:48
Parliamo di: ,

Si è svolta nei giorni scorsi una importante riunione organizzata da Ascom Confcommercio e rivolta agli operatori del settore ortofrutticolo, vale a dire negozianti al dettaglio e grossisti, che ha visto la presenza di numerose attività della Piana di Lucca.

Tanti i temi affrontati e le problematiche riscontrate per un settore che, così come molti altri, sta attraversando un periodo di crisi. I commercianti presenti hanno cercato di analizzare le criticità emerse, concludendo con la richiesta accorata ai Comuni e, in modo particolare, ai vari corpi di polizia municipale, di effettuare maggiori controlli.

Trasparenza e controlli per gli operatori

Nel corso della riunione, infatti, è stato evidenziato come le ragioni della crisi non siano da ricercarsi soltanto nella concorrenza della grande distribuzione, ma anche in quella dei venditori abusivi. Nella fattispecie, gli operatori ortofrutticoli puntano l’indice contro coloro che, pur in possesso di una licenza per la vendita itinerante, stazionano con i loro furgoni nelle piazzole a lato delle principali vie di scorrimento, nonostante la legge non glielo consenta.

Tutto questo, è stato ribadito durante l’incontro, a causa della mancanza di controlli adeguati. Altra questione dibattuta è stata quella dei mercati contadini: sotto questo punto di vista, gli operatori non contestano l’idea in sé, ritenuta anzi meritevole, ma chiedono che vengano messi in vendita solo prodotti effettivamente coltivati dai venditori stessi. Il problema emerso, infatti, sulla base di alcune indagini condotte dai negozianti stessi, è che ad esser messi in vendita in certi casi sono prodotti acquistati dai grossisti e poi rivenduti a loro volta.

Il confronto con Coldiretti

Temi, questi, resi ancora più d’attualità da un recente intervento sulla stampa da parte di Coldiretti, che parlava di ricarichi indiscriminati da parte dei negozianti ortofrutticoli. A tale proposito, questa mattina (giovedì) incaricati di Ascom Confcommercio, su richiesta degli operatori stessi, hanno effettuato un’altra serie di verifiche sul mercato contadino dell’Arancio, riscontrando come i prezzi praticati siano uguali, a volte superiori rispetto a quelli dei normali negozi.

Sempre nella mattinata odierna, si è poi svolta una nuova riunione a Palazzo Sani, sede dell’associazione dei commercianti, alla quale hanno preso parte il presidente Ademaro Cordoni, il direttore Rodolfo Pasquini, il responsabile sindacale di settore Vittorio Bini e rappresentanti dei commercianti ortofrutticoli al dettaglio e all’ingrosso. Durante l’incontro è stato fatto il punto della situazione, alla luce degli ultimi sviluppi emersi, e deciso di richiedere un tavolo di concertazione con Coldiretti.